Dintorni di Rivara di Carlo Pittara

Dintorni di Rivara di Carlo Pittara è un dipinto che testimonia la pratica della pittura dal vero da parte di uno dei protagonisti della Scuola di Rivara.

Carlo Pittara, Dintorni di Rivara, 1861, olio su tela, cm 350 x 232. Torino, Galleria Civica d’Arte Moderna

Il dipinto di Carlo Pittara intitolato Dintorni di Rivara ti permette di affrontare il tema della pittura italiana sul finire dell’800. In particolare, Carlo Pittara fece parte della scuola di Rivara un gruppo di artisti che si riunì nella cittadina piemontese, in Canavese, per offrire un modello di paesaggio più naturalistico dipingendo dal vero. Siamo nel 1861 e l’Unita d’Italia è appena compiuta. Infatti il Parlamento neonato il 17 marzo proclama la nascita del Regno d’Italia.

Carlo Pittara dipinse in Piemonte quindi in una località geografica ben precisa e i suoi paesaggi sono spesso legati ai dintorni di Rivara. Il dipinto si collega inoltre ad alcuni argomenti come le scuole regionali di pittura di fine ‘800 in Italia e il tema del paesaggismo tra fine Ottocento e inizio Novecento che guarda alle esperienze francesi dello stesso periodo. Nel dipinto sono rappresentate alcune vacche al pascolo. Nella pittura ottocentesca di paesaggio furono molti gli artisti a rappresentare questo tema. Ricordiamo Giovanni Segantini con i suoi celebri paesaggi di montagna divisionisti.

Descrizione

Al centro del paesaggio dipinto sono raffigurati alcuni animali al pascolo. A sinistra, si possono vedere due bovini. Verso destra, poi, alcune capre si dirigono verso il fondo dove si trovano altri animali. In lontananza, si notano altre pecore e, quasi all’orizzonte, il pastore che le conduce. Gli animali, in primo piano, sono fermi di fronte ad un piccolo stagno formato da un ruscello che scende dal centro dell’immagine. Il mantello erboso è formato da erba molto bassa punteggiata da ciuffi di piante più alte in prossimità dell’acqua. Il prato sale verso l’alto e le due colline di destra e di sinistra si incontrano formando un avvallamento in prossimità della strada di montagna percorsa dal pastore lontano. Oltre la linea di colline, si alza una montagna sulla destra. Il cielo, infine, è totalmente coperto da grandi nubi bianche.

Interpretazioni e simbologia

Con Dintorni di Rivara, Carlo Pittara rappresentò un brano di vita contadina delle Alpi piemontesi.

I Committenti, le collezioni e la storia espositiva

Il dipinto intitolato Dintorni di di Rivara, di Carlo Pittara, fu donato alla Gam di Torino dalla Società Promotrice di Belle Arti nel 1862.

La storia dell’opera

Carlo Pittara nacque a Torino nel 1836 quindi all’epoca dipinse quest’opera intorno all’età di 35 anni. L’artista piemontese realizzò Dintorni di Rivara al ritorno da un suo viaggio a Parigi. Prima di questo lavoro l’artista espose Pascolo alla promotrice Torinese di Belle Arti del 1856. Oggi il dipinto, purtroppo, risulta disperso. Un altro dipinto importante che precede Dintorni di Rivara è L’abbeveraggio della sera al Seppay. Anche quest’opera fu presentata alla Promotrice di Belle Arti. Venne poi acquistata dal Principe Tommaso di Savoia ed oggi è custodita presso una collezione privata.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Dintorni di Rivara di Carlo Pittara

Il Pittara si formò presso l’Accademia di Belle Arti di Torino seguendo i corsi di Giuseppe Camino. In seguito per affinare ulteriormente il suo stile si recò a Ginevra, in Svizzera per dipingere accanto a Charles Humbert (1813 – 1881). L’artista era infatti noto per la sua abilità nel dipingere gli animali. Dintorni di Rivara è considerato il primo dipinto verista di Carlo Pittara. Infatti, gli storici fanno notare che realizzò questa grande tela proprio con l’intento di raffigurare la realtà. Carlo Pittara fu protagonista, a partire dai primi anni del 1860, della scuola di Rivara, ospite del cognato Ogliani. Il gruppo di artisti si riunì con l’intento di ritrarre il paesaggio dal vero sull’esempio delle esperienze francesi di Barbizon.

Il colore e l’illuminazione

Sul dipinto Dintorni di Rivara è dominante il verde del mantello erboso. Il colore è declinato attraverso una vasta gamma di toni che vanno dalle parti illuminate a quelle in ombra. I bovini si integrano con i colori naturali. I loro mantelli variano dal bianco, al grigio chiaro, al bruno. Il cielo e la montagna rappresentano una zona di colore più fredda e di poca saturazione. Il bianco delle nuvole lascia trasparire un pallido azzurro. Sul monte lontano, invece, le parti in luce sono ocra chiaro, mentre le ombre delle nuvole tendono al grigio freddo. La luce del sole proviene da sinistra, quasi frontalmente. Infatti, dagli zoccoli degli animali si allungano le ombre del sole basso all’orizzonte.

Lo spazio

La distanza tra il primo piano e il pastore sullo sfondo è intuibile grazie alle diverse grandezze degli animali, dal primo piano all’orizzonte. La linea d’ombra che segna la base della collina di sinistra contribuisce a determinare la lontananza. La montagna lontana è appena accennata, con colori spenti e contorni offuscati. Anche la prospettiva aerea aiuta a determinare la profondità dell’immagine. Il sentiero tracciato, infine, conduce l’occhio dell’osservatore direttamente verso l’avvallamento tra le due colline.

La composizione e l’inquadratura

Dintorni di Rivara è un paesaggio con un formato orizzontale. Gli animali al pascolo occupano una porzione triangolare del dipinto con apice verso il pastore e base corrispondente ai due bovini e alla capra in primo piano. Tutto il dipinto è organizzato secondo linee oblique. La linea d’ombra alla base della collina di sinistra converge verso l’avvallamento. Poi, si osserva il triangolo formato dalla stessa collina. La collina di destra scende obliquamente verso il centro e, infine, il monte, appena percepibile sullo sfondo, è costruito sulla diagonale che scende dall’angolo in alto a destra.

Bibliografia

  • Giuseppe L. Marini, Carlo Pittara e la Scuola di Rivara. Ediz. illustrata, AdArte (22 settembre 2016), ISBN-10: 8889082615 ISBN-13: 978-8889082614

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Carlo Pittara intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Carlo Pittara, Dintorni di Rivara, sul sito della Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino.