Crocifisso di Santo Spirito di Michelangelo

Crocifisso di Santo Spirito di Michelangelo rappresenta un dono in segno di ringraziamento al priore del Convento di Santo Spirito.

Michelangelo, Crocifisso di Santo Spirito, 1493 circa, legno policromo, 139 x 135 cm. Firenze, Basilica di Santo Spirito

Indice

Descrizione di Crocifisso di Santo Spirito di Michelangelo

Cristo dal corpo nudo è collocato sulla croce. Gesù ha gli occhi chiusi, è privo di espressione e inclina il capo sulla sinistra dell’osservatore.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il Crocifisso scolpito da Michelangelo si trova all’interno della Basilica di Santo Spirito a Firenze.

Il Crocifisso di Santo Spirito risale a circa il 1493 circa. Gli storici dell’arte sono concordi nell’attribuire la scultura a Michelangelo.

Nel 1492 morì Lorenzo il Magnifico protettore di Michelangelo che lo aveva ospitato nel periodo di formazione presso il palazzo di famiglia di Via Larga a Firenze. Il giovane artista all’età di 17 anni si rifugiò così nel convento di Santo Spirito. Piero de’ Medici proseguì nell’attività di sostegno nei confronti di Michelangelo insieme a priore del convento.

L’artista riuscì così a portare avanti i suoi studi anatomici studiando i cadaveri che provenivano dall’Ospedale del convento. Questa attività di indagine anatomica permise quindi a Michelangelo di diventare uno degli artisti più abili nel rappresentare il corpo umano in movimento.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Crocifisso di Santo Spirito di Michelangelo

Michelangelo scolpì il Crocifisso in legno. La superficie della scultura è dipinta e la statua misura circa 139 centimetri.

Articolo correlato

Il Crocifisso di Donatello

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Pierluigi De Vecchi, La Cappella Sistina, Milano, Rizzoli, 1999, ISBN 88-17-25003-1
  • Antonio Forcellino, Michelangelo. Una vita inquieta, 2007, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842084761
  • Benjamin Blech, Roy Doliner, I segreti della Sistina. Il messaggio proibito di Michelangelo, 7 aprile 2010, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, Collana: Saggi, EAN: 9788817061704
  • Alberto Angela, Viaggio nella Cappella Sistina, Milano, Rizzoli, 2013. ISBN 978-88-17-07841-2
  • Frank Zöllner, Christof Thoenes, Michelangelo. Tutte le opere di pittura, scultura e architettura, 2017, Taschen, Collana: Bibliotheca Universalis, EAN: 9783836563819
  • Giulio Busi, Michelangelo. Mito e solitudine del Rinascimento, 20 novembre 2018, Mondadori, Collana: Oscar storia, EAN: 9788804705611

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 20 aprile 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Michelangelo intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Michelangelo

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Michelangelo, Crocifisso di Santo Spirito, sul sito della Basilica di Santo Spirito di Firenze.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera