Il ponte di Argenteuil di Claude Monet

Durante il suo soggiorno ad Argenteuil, Claude Monet si soffermò a studiare gli effetti della luce sull’acqua. Il ponte di Argenteuil fu un soggetto che l’artista dipinse più volte.

Claude Monet, Il ponte di Argenteuil, 1874, olio su tela, cm 60,5 x 80. Parigi, Musée d’Orsay

Descrizione. Un ponte famoso grazie alle opere di Claude Monet

Il ponte raffigurato in questo dipinto del 1874 si trova in prossimità del paese di Argenteuil e traversa la Senna. Sullo specchio d’acqua, a sinistra, si trovano ormeggiate alcune piccole imbarcazioni con le vele abbassate. A destra invece, il ponte dalle rigide forme architettoniche traversa il fiume. Le campate a tutto sesto poggiano su possenti piloni in muratura che fendono l’acqua. Alla testata del ponte di erge una torretta e altri edifici si notano oltre la carreggiata. Sulla riva opposta si sviluppa poi un fitto bosco con grandi alberi dalle fronde vaporose. Sull’acqua si riflettono le forme e i colori del paesaggio e del ponte. Infine, il cielo è attraversato da leggere nuvole che paiono batuffoli di cotone.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Il ponte di Argenteuil di Claude Monet

Claude Monet fu un importante esponente dell’Impressionismo francese. Tra gli altri, fecero parte del gruppo Renoir, Pissarro, Degas e Caillebotte. I soggetti preferiti da Monet furono i paesaggi e le sue amate ninfee. Le pennellate ampie e materiche creano la fitta trama di riflessi sulla superficie della Senna. Altre più dense e larghe compongono le fronde compatte degli alberi. La ricerca puntuale di Monet lo spinse ad indagare attentamente il comportamento della luce sulle superfici riflettenti dell’acqua e degli edifici.

La tecnica

Il ponte di Argenteuil è un’opera realizzata ad olio su tela. Come di consueto, nei dipinti di Monet, le pennellate sono evidenti e creano una trama più descrittiva in primo piano. Monet, inoltre,fu solito dipingere en plein-air.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto intitolato Il ponte di Argenteuil presenta una tonalità chiara e fredda. I colori sono tendenzialmente freddi. I verdi del bosco e l’azzurro del cielo. Nell’opera predomina il verde della vegetazione e dei riflessi. Invece le parti dell’opera con colori più saturi e brillanti sono le barche sulla sinistra. In primo piano, si colgono pochi contrasti mentre sullo sfondo sono più intensi per via delle zone d’ombra. La scena è illuminata dalla luce intensa del sole che giunge da destra. L’illuminazione solare crea, cpsì, riflessi dorati sulla superficie della Senna e sugli edifici. Anche l’ocra delle barche e il giallo-arancio scaldano il clima cromatico.

Approfondisci con le altre opere di Claude Monet intitolate: Tacchini a Montgeron, Il giardino di Hoschedé a Montgeron, Stagno a Montgeron, Lo stagno delle ninfee, armonia in rosa, Ville a Bordighera, Ninfee blu, Covoni fine dell’estate, Effetto vento, serie dei pioppi, Il ponte di Waterloo a Londra, Donna con il parasole rivolta verso sinistra, Donne in giardino, La stazione Saint-Lazare, Ninfee rosa, Campo di papaveri, Impressione, sole nascente, La Grenouillére.

Lo spazio

Il ponte di Argenteuil è un dipinto ambientato in esterno, e ritrae il fiume che scorre. Frontalmente si scorge una sponda. Gli indicatori che ci permettono di costruire lo spazio del paesaggio sono la grandezza delle figure, che diminuisce in profondità, e la loro sovrapposizione. Inoltre, la sponda è posizionata in alto rispetto alla metà dell’opera. Il punto di vista scelto da Monet è piuttosto alto e permette di osservare la scena nella sua interezza.

La composizione

L’opera di Claude Monet è di formato rettangolare. Il suo orientamento orizzontale permette di realizzare una inquadratura che valorizza lo scorrere del fiume. Più della metà inferiore del dipinto è occupata dalla superficie liquida mentre al cielo è riservato un terzo del dipinto. Infine, le barche sono dipinte nella metà di sinistra mentre il ponte e il suo riflesso in quella destra del piano.

La composizione orizzontale viene assecondata dalla massa orizzontale della Senna. Le direttrici oblique del ponte e delle barche creano però una rottura e movimentano la struttura del dipinto. Monet fu molto attratto dagli effetti creati dalla luce sull’acqua a partire da Impressione sole nascente.

Approfondimenti

Il 1874 fu l’anno della prima esposizione impressionista. Durante questo periodo Monet realizzò ben sette vedute de Il ponte di Argenteuil. L’artista dedicò anche quattro dipinti al ponte ferroviario a monte del paese.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Claude Monet, Il ponte di Argenteuil, sul sito del Musée d’Orsay di Parigi.