Rose sotto gli alberi di Gustav Klimt

Rose sotto gli alberi di Gustav Klimt fu indebitamente acquisito da un collezionista nazista a scapito della legittima proprietaria morta in un campo di concentramento.

Gustav Klimt, Rose sotto gli alberi, 1905, olio su tela, 110 x 110 cm. Parigi, Musée d’Orsay

Indice

Descrizione di Rose sotto gli alberi di Gustav Klimt

Nel dipinto è ritratto un paesaggio con un’ampia distesa verde. Alcuni cespugli di rose crescono sotto alti alberi dalla chioma molto folta.

Il titolo originale del dipinto, in lingua tedesca è Rosen. In seguito diventerà poi MeloMeli con rose e Paesaggi.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’industriale e collezionista ebreo austriaco Viktor Zuckerkandl acquistò il dipinto nel 1911. Alla morte del collezionista e della moglie Paula l’opera passò alla nipote Eleonore “Nora” Stiasny. Nel 1980 il Musée d’Orsay ottenne l’opera dalla Galerie Peter Nathan di Zurigo. La proprietaria dell’epoca era Herta Blümel, la compagna di Häusler che aveva ereditato il dipinto alla morte del collezionista.

Nel 2021 il governo francese ha deciso di restituire il dipinto di Gustav Klimt intitolato Rose sotto gli alberi ai legittimi eredi. Infatti il dipinto fu sottratto dai nazisti nel 1938 alla famiglia ebrea di Nora Stiasny, nata nel 1898 e morta nel 1942, che abitava in Austria. Il Musée d’Orsay di Parigi ha ospitato l’opera fino al 2021 dopo 83 anni di sottrazione alla legittima proprietaria. L’opera con il titolo Rosiers sous les arbres entrò a far parte del del Museo d’Orsay nel 1980 in seguito ad una donazione anonima proveniente dal Canada.

Lo Stato francese però non era a conoscenza della storia del dipinto. Recentemente grazie ad uno studio condotto dal Museo d’Orsay, del Ministero della Cultura e della Galleria Belvédère di Vienna, supportati ai rappresentanti dei discendenti di Nora Stiasny, è stata chiarita la provenienza del dipinto. Così il Governo francese voterà una legge che permetterà la restituzione del dipinto che in quanto proprietà dello Stato è inalienabile.

Il ministro della Cultura, Roselyne Bachelot-Narquin ha preso questa decisione al fine di riparare alle ingiustizie nei confronti delle famiglie imprigionate nei campi di concentramento o arrestate.

L’artista e la società. La storia dell’opera Rose sotto gli alberi di Gustav Klimt

L’opera di Gustave Klimt risale al 1905. Gustav Klimt dipinse Rose sotto gli alberi a Litzlberg in prossimità di un lago durante le vacanze estive. Klimt soggiornò nella città per due anni, nel 1904 e nel 1905.

La sottrazione dell’opera Rose sotto gli alberi di Gustav Klimt

Pochi mesi dopo l’annessione dell’Austria al Reich, le autorità naziste costrinsero Nora Stiasny, nipote dei collezionisti Viktor e Paula Zuckerkandl, a cedere l’opera. Il professor Philipp Häusler, membro del partito nazista, nell’agosto 1938 comprò così il dipinto ad un prezzo molto basso. Al tempo l’opera era intitolata Pommier (Melo). Nora, quattro anni dopo entrò in un campo di concentramento insieme alla madre, al marito e al figlio. Tutti morirono.

La ricerca sulla storia dell’opera Rose sotto gli alberi di Gustav Klimt

Nel 2001 gli eredi di Nora Stiasny ottennero la restituzione di Melo II, (Pommier II) di Gustav Klimt da parte del Belvedere Art Museum di Vienna. Nel 2017 però i curatori del museo riconobbero che si trattava di un errore. Si risalì così all’opera custodita presso il Musée d’Orsay di Parigi che era quella acquistata da Philipp Häusler.

Laurence des Cars, il presidente del Musée d’Orsay, ha guidato una lunga ricerca storica per scoprire l’origine del dipinto. Nel 2016 Monika Mayer del Museo del Belvedere di Vienna e Ruth Pleyer, due ricercatori austriaci, in seguito a complicate indagini storiche hanno rivelato il ruolo avuto dall’ultimo proprietario del dipinto. La rivelazione è stata possibile grazie alla desecretazione dei documenti che raccontano come Häusler ottenne il dipinto avvenuta alla fine degli anni Novanta del Novecento. Così nel 2019 gli eredi legittimi presentarono una formale richiesta di restituzione attraverso l’avvocato Alfred Noll.

Secondo la ricostruzione storica Philipp Häusler ebbe una relazione in gioventù con Nora Stiasny. Il collezionista aderì poi al partito nazista in Germania nel 1933.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Cespugli di rose sotto gli alberi di Gustav Klimt

L’opera assume l’aspetto di un mosaico composto da corti tratti di pennello. Lo stile dell’opera è ancora figurativo ma si avvicina ad una interpretazione astratta del soggetto. Gustav Klimt infatti testimonia in questo dipinto come la sua intenzione fu quella di sperimentare una nuova organizzazione del piano pittorico.

Klimt nei dipinti simili a Cespugli di rose sotto gli alberi fece riferimento alla sintesi formale dei maestri neoimpressionisti francesi. L’artista però partendo da tali soluzioni plastiche elaborò un linguaggio personale nel quale il decorativismo satura l’intera superficie. Questa scelta si avvicina all’horror vacui, la paura del vuoto, che spingeva gli artisti fiamminghi a saturare interamente la tela dipinta.

La tecnica

Rose sotto gli alberi è un dipinto realizzato con colori ad olio su una tela di 110 centimetri per 110 cm.

Il colore e l’illuminazione

Nell’opera predomina il colore verde della vegetazione che satura l’intera superficie. Compaiono poi il giallo e il viola dei fiori. Il verde è quindi il colore che domina l’intera opera ed è declinato in tutte le sue gradazioni. Questa saturazione è interrotta da alcuni toni di colore più acceso come il malva e il giallo che vengono così evidenziati per contrasto. Il colore dei tronchi che si intravede tra la vegetazione è poi appena sufficiente a permettere di identificarli.

Il dipinto mostra un paesaggio immerso nel sole. La luce che illumina la scena però assume un valore decorativo e non naturalistico. Klimt infatti artisticamente fu molto lontano dagli impressionisti che erano interessati ad esplorare il valore fenomenologico della luce nelle diverse condizioni atmosferiche.

Lo spazio

Il paesaggio si coglie a malapena per via della forte astrazione dell’opera. Infatti le chiome degli alberi si fondono tra loro e diventano una superficie unica grazie alla trama uniforme delle pennellate. I cespugli di rose sono poi definiti solo dal loro sviluppo verticale e dalla diversa tessitura. L’interpretazione ancora figurativa dell’opera è permessa così dalla sovrapposizione delle diverse zone contraddistinte da una omogenea trama di pennellate. Infatti non vi sono chiari indicatori spaziali che descrivono lo spazio tridimensionale e le forme non sono chiarite da contorni precisi o chiaroscuri. La lettura figurativa è quindi al limite della resa astratta e si coglie l’intento di Gustav Klimt di risolvere l’opera nella sua dimensione bidimensionale.

La composizione e l’inquadratura

La struttura compositiva è condizionata dalle chiome degli alberi folte di foglie che occupano quasi tutta la superficie del dipinto. Una sottile fascia orizzontale di prato si intravede poi in basso tra i cespugli di rose. In alto si percepisce infine una sottile striscia di cielo.

Approfondimenti. Le opere sottratte dai nazisti e il National Museum of Recovery

Le opere sottratte dai nazisti che si trovano attualmente in Germania sono circa 2.000 e sono etichettate con la sigla MNR, National Museum of Recovery. I direttori di molti musei si sono attivati nel tempo per ottenere la restituzione di opere sottratte nel periodo della Seconda Guerra Mondiale dal regime nazista. Eike Schmidt che aveva diretto la Galleria degli Uffizi di Firenze, chiese la restituzione dell’opera intitolata Vaso di fiori di Jan van Huysum, sottratta dall’esercito tedesco nel 1940. Il dipinto fu restituito così il 19 luglio del 2019. Un altro dipinto seguì la stessa sorte di Rose sotto gli alberi, si tratta del Il ritratto di Adele Bloch-Bauer I di Gustav Klimt.

Articolo correlato

Il ritratto di Adele Bloch-Bauer I di Gustav Klimt

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Eva Di Stefano, Gustav Klimt. L’oro della seduzione, Giunti Editore, Collana: Atlantissimi, 2017, EAN: 9788809850170

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 11 aprile 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Gustav Klimt intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Gustav Klimt

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Gustav Klimt, Rose sotto gli alberi, sul sito del Musée d’Orsay di Parigi.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera