Autoritratto di Nicolas Poussin

L’Autoritratto di Nicolas Poussin è stato realizzato probabilmente su richiesta del suo amico Paul Freart de Chantelou.

Nicolas Poussin, Autoritratto di Nicolas Poussin, 1650, olio su tela, 98 x 74 cm. Parigi Musée du Louvre

Indice

Descrizione dell’Autoritratto di Nicolas Poussin

Il corpo di profilo è voltato verso destra con una mano poggiata sopra ad una tela mentre il viso è frontale e illuminato dalla parte sinistra. Da qui infatti giunge la luce che lo illumina per metà del volto. L’artista si è ritratto con un mantello appoggiato alla spalla. La composizione inoltre è molto scarna e si intravedono le cornici dei quadri poggiati a terra. I loro bordi insieme all’angolo di una porta formano delle rette ortogonali che geometrizzano lo sfondo.

Interpretazioni e simbologia

Poussin dipinse quest’opera su commissione di Paul Freart de Chantelou. L’Autoritratto di Nicolas Poussin è quindi, dedicato al tema dell’amicizia. Secondo Giovan Pietro Bellori vi sono infatti nel dipinto delle allusioni a questo sentimento. In basso, su di un altro quadro, che si vede parzialmente, una donna viene abbracciata. Sembra così che l’Autoritratto di Nicolas Poussin contenga questa citazione non casualmente. Le altre tele che si vedono sullo sfondo infine sono disposte al buio e rafforzano questa ipotesi.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Nicolas Poussin probabilmente dipinse il suo Autoritratto in seguito alla richiesta dell’amico Paul Freart de Chantelou. Per lui Nicolas Poussin tre anni prima aveva già realizzato una serie di immagini dedicata ai sacramenti.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile dell’Autoritratto di Nicolas Poussin

In primo piano la figura di Nicolas Poussin è realizzata con un realismo molto marcato. Non vi è poi alcun segno di idealismo formale e per questo, sembra un dipinto non destinato all’ufficialità. Infatti, Poussin era un convinto ammiratore del classicismo rinascimentale e riservava tale stile alle sue opere ufficiali. Esemplare è il suo dipinto intitolato L’Ispirazione del poeta.

Il colore e l’illuminazione

Il colore è molto scuro, tendente al bruno. Colori più saturi e brillanti sono quindi limitati all’incarnato del volto e della sua mano di Poussin. A sinistra, il colore acceso è riservato alla donna ritratta sulla tela e ad un elemento dell’arredamento di colore rosso.

Lo spazio

La profondità è ridotta e lo spazio risulta parzialmente contratto in avanti.

La composizione e l’inquadratura

Il volto di Nicolas Poussin si trova quasi esattamente al centro delle diagonali, poco al di sopra.

Articolo correlato

Autoritratto di Giuseppe Maria Crespi

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Henry Keazor, Poussin, Taschen, Kleine art, 2009, EAN: 9783836506434

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 26 marzo 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Nicolas Poussin intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Nicolas Poussin, Autoritratto di Nicolas Poussin, sulla pagina del Musée du Louvre di Parigi.

Chiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure la biografia dell’artista? Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it gli aggiornamenti saranno pubblicati esclusivamente sul sito. Non inviamo materiali tramite e-mail.

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.