Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara

Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara è un dipinto conservato presso la Collezione Poscio di Domodossola dove si trovano molti dipinti dell’artista.

Carlo Fornara, Autoritratto a vent’anni, 1890 circa. Domodossola, Collezione Poscio

Indice

Descrizione dell’Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara

L’Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara riproduce l’immagine del giovane artista di profilo. Fornara infatti è raffigurato al centro del dipinto con il viso rivolto di tre quarti a sinistra. Il volto del protagonista inoltre rivela la sua età giovanile e la sua espressione è sicura e determinata.

Interpretazioni e simbologia dell’Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara

Carlo Fornara realizzò 13 autoritratti. Questa produzione dimostra quindi l’attenzione dell’artista nel documentare la trasformazione della propria fisionomia nel corso degli anni.

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto di Carlo Fornara si trova con molti altri presso la collezione Poscio di Domodossola.

La storia dell’Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara

Carlo Fornara dipinse questo ritratto intorno all’età di 20 anni quindi vicino al la fine del secolo essendo nato nel 1871.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile dell’Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara

Carlo Fornara è considerato il caposcuola degli artisti che dipinsero in Val Vigezzo tra fine ‘800 e inizio ‘900. Fu influenzato inizialmente dalle esperienze francesi a lui contemporanee assorbite grazie al suo maestro Enrico Cavalli e in seguito ai suoi due viaggi in Francia.

In questo periodo il suo stile neoimpressionista è composto da pennellate materiche e colori vivaci posati sulla tela anche tramite grasse spatolate. Dal 1892 a Torino fu vicino al Romanticismo poetico di Fontanesi mentre in seguito si accostò alle esperienze del gruppo divisionista diventando assistente di Segantini nel 1898. Il suo periodo migliore è quello che va dal 1890 al 1910.

Nel 1922 tornò poi a Prestinone dove si isolò dall’ambiente culturale italiano ormai lontano dalle esperienze divisioniste. Continuò però a sperimentare la pennellata divisa seppur lontana da quelle degli anni migliori.

La tecnica

Questa autoritratto dell’artista è realizzato con un impasto ad olio su tela.

Il colore e l’illuminazione

L’Autoritratto a vent’anni di Carlo Fornara è un dipinto dalle tonalità scure e grigie. Solamente il viso e parte del collo presenta un incarnato realistico e rosa.

Lo spazio

L’autoritratto è ambientato in uno sfondo privo di dettagli.

La composizione e l’inquadratura

La forma del dipinto è rettangolare con una inquadratura verticale che isola al centro dell’opera la figura dell’artista.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Dario Gnemmi, Vigezzini di Francia. Pittura d’alpe e d’Oltralpe tra Otto e Novecento in Valle Vigezzo, ed. Skira, Milano, 2007
  • Carlo Fornara. Il colore della valle. Catalogo della Mostra (Acqui Terme, 30 giugno-2 settembre 2007), Mazzotta, 2007, EAN:9788820218454
  • Annie-Paule Quinsac, Carlo Fornara. Alle radici del Divisionismo (1890-1910). Catalogo della mostra (Domodossola, 24 maggio-20 ottobre 2019). Ediz. italiana e inglese, Silvana, Collana: Arte Anno edizione: 2019, EAN: 9788836643721

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 21 novembre 2019.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Carlo Fornara intitolate:

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Carlo Fornara, Autoritratto a vent’anni, sul sito della Collezione Poscio di Domodossola.