Auto – Stato d’animo di Giacomo Balla

Auto – Stato d’animo di Giacomo Balla è un dipinto astratto-futurista del 1920 conservato presso la Galleria d’Arte Moderna di Milano.

Giacomo Balla, Auto – Stato d’animo, 1920, olio su tavola, 74 x 65 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione di Auto – Stato d’animo di Giacomo Balla

Nel dipinto dalle forme quasi astratte di Giacomo Balla si coglie la figura di un uomo grazie al volto rappresentato nella parte alta. Il soggetto è riconoscibile anche se eccessivamente geometrizzato.

Interpretazioni e simbologia di Auto – Stato d’animo di Giacomo Balla

Giacomo Balla nel suo periodo futurista diede molta importanza soprattutto alla velocità rappresentata con le immagini di veicoli. Inoltre fece spesso riferimenti a situazioni poetiche legate ad atmosfere stagionali e, in questo, caso alla psicologia della persona.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto era di proprietà della collezione Grassi che si trova ora alla Galleria d’Arte Moderna di Milano grazie alla donazione di Nedda Grassi Mieli del 1960.

La storia dell’opera Auto – Stato d’animo di Giacomo Balla

Giacomo Balla nato nel 1871 realizzò quest’opera nel 1920 all’età di 49 anni.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Auto – Stato d’animo di Giacomo Balla

Balla passò attraverso diverse sperimentazioni. Iniziò con la pittura divisionista e quindi passò al Futurismo. Visse anche un periodo astratto e tornò nuovamente ad una forma di realismo utile a realizzare opere di propaganda durante il ventennio fascista.

La tecnica

L’opera è un olio su tavola di 74 x 65 cm.

Il colore e l’illuminazione

Nel dipinto prevalgono colori cupi e scuri. Il tono preponderante è verde sfumato con varie tonalità. Nella parte centrale,  a destra vi sono brani di colore ocra e marrone riservati al viso e a parti del pavimento e della parete.

Lo spazio

L’immagine pare ambientata all’interno di uno spazio chiuso. Infatti tra i volumi che si compenetrano e si accostano sono riconoscibili alcuni spazi architettonici.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto è di forma rettangolare sviluppato in verticale. Racchiude con un’inquadratura ampia il volto del protagonista ritratto e molta parte dell’ambiente che lo circonda.

Articolo correlato

Profilo continuo di Renato Giuseppe Bertelli

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Fabio Benzi, Balla, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2001; 2002, EAN: 9788809019652

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 28 dicembre 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Giacomo Balla intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Giacomo Balla

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giacomo Balla, Auto – Stato d’animo, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera