Vergine annunciata di Antonello da Messina

Vergine annunciata di Antonello da Messina coniuga la monumentalità e il classico razionalismo dello stile italiano con l’attenzione al dettaglio della pittura fiamminga.

Antonello da Messina, Vergine annunciata, 1476-1477, olio su tavola, 45 x 34,4 cm. Palermo, Galleria Regionale della Sicilia

Indice

Descrizione della Vergine annunciata di Antonello da Messina

Al centro del dipinto, Maria è avvolta da un velo blu che le copre il capo e le spalle. La Vergine porta la mano destra in avanti mentre con la mano sinistra chiude il velo sul petto. Si intravede anche l’abito rosso coperto dal tessuto. Il viso e il corpo sono frontali. Lo sguardo, invece è rivolto a sinistra in basso. L’espressione è timorosa. I lineamenti del viso sono giovanili e regolari. A sinistra del dipinto, si trova un leggio. Su di esso un si nota un libro aperto con le pagine sollevate. Infine, il fondo è molto scuro e privo di particolari dipinti.

Interpretazioni e simbologia della Vergine annunciata di Antonello da Messina

Maria è sorpresa dalla comparsa dell’angelo che si trova davanti a lei e che non è riprodotto nel dipinto. La giovane alza la mano destra e sembra mettere una distanza tra lei e il messaggero di Dio.

La grandezza di questo dipinto di Antonello da Messina è determinata dal rigore formale utilizzato dall’artista. La Vergine mostra poi un’espressione intensa e assume una postura sospesa che crea una dimensione atemporale.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto di Antonello da Messina si trova a palazzo Abatellis a Palermo.

L’artista e la società. La storia dell’opera Vergine annunciata di Antonello da Messina

Antonello da Messina dipinse l’Annunciata intorno al 1475.

Enrico Brunelli nel 1906 attribuì l’opera a Antonello da Messina basandosi su un’osservazione formale. Non esistono infatti documenti che attestino la sua paternità. Inoltre ad oggi non sono state condotte analisi approfondite sul legno del telaio e sui pigmenti confrontandoli con altre opere dell’artista.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Stile del dipinto Vergine annunciata di Antonello da Messina

Antonio di Giovanni de Antonio, soprannominato Antonello da Messina, nacque a Messina, nel 1429 o nel 1430  e morì nella stessa città nel febbraio 1479. È considerato il più importante artista figurativo siciliano della sua epoca. Seppe coniugare la monumentalità e il classico razionalismo della forma dello stile italiano con l’attenzione al dettaglio della pittura fiamminga. Antonello realizzò il dipinto che ritrae la Vergine Annunciata utilizzando una attenta resa prospettica che si evidenzia nella mano in scorcio.

Il dipinto di Antonello da Messina presenta caratteristiche stilistiche tipiche delle opere fiamminghe. Maria è raffigurata di tre quarti, lo sfondo è scuro, la figura isolata e l’atmosfera sospesa sono elementi tipici del lavoro di un pittore nordico, Petrus Christus.

La tecnica

L’Annunciata dipinta da Antonello da Messina è un olio in velatura su tavola di 45 centimetri di altezza e  34,5 cm di larghezza.

Antonello da Messina realizzò il dipinto legando i pigmenti in polvere con una sostanza grassa. Si può parlare già di colori ad olio la cui invenzione, tradizionalmente, si deve ai pittori fiamminghi del nord Europa. Questa tecnica, diversamente dalla pittura a tempera, permette di ottenere un chiaroscuro molto sfumato e un graduale passaggio di toni. Inoltre grazie alla possibilità di stendere i colori con sottili velature trasparenti l’artista può definire le figure nel dettaglio. Così Antonello da Messina riuscì a donare alla Vergine un incarnato morbido e realistico come la consistenza dei tessuti.

La Vergine raffigurata nell’opera di Antonello da Messina presenta forme con volumi ben sviluppati. La figura assume così un’apparenza diversa da quelle fiamminghe che presentano un carattere più epidermico e particolareggiato. Maria assume così un aspetto classico ed equilibrato contrapposto al maggior realismo fisionomico e alla caratterizzazione psicologica dei personaggi fiamminghi.

Il colore e l’illuminazione

L’illuminazione crea un clima intimo e riservato. La luce radente colpisce Maria, illumina il suo viso e ne rivela le forme.

Lo spazio

La Vergine è immersa in uno spazio indefinito. Il leggio però grazie alle fughe prospettiche suggerisce una dimensione geometrica e la profondità dello spazio che si interpone tra l’osservatore e la Madonna.

La composizione e l’inquadratura

Il viso della Vergine è di forma ovale e rientra in una forma geometrica ideale. La piega del manto che copre il capo di Maria crea un asse che la congiunge al leggio dipinto in basso.

Articolo correlato

Madonna degli alberetti di Giovanni Bellini

Lettura alla lim del dipinto Vergine annunciata di Antonello da Messina

Il fondo del dipinto è di un nero profondo. Mette, così, in evidenza il ritratto della Madonna che si ritaglia in modo netto.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

La figura della Vergine è ben modellata e assume un aspetto quasi monumentale.

Il senso della monumentalità è sottolineato dal punto di vista che è leggermente ribassato. Il nostro sguardo, infatti, si trova all’altezza del leggio.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

La Vergine fu dipinta da Antonello da Messina tra il suo soggiorno a Venezia e il ritorno nella sua città.

Il piano che sostiene il leggio è in basso, quasi al limite inferiore del dipinto.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

Il leggio, dalla particolare forma, è posto in diagonale. Crea, così, un senso di profondità.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

Lo spazio posto tra l’osservatore e la Vergine è misurato dalla mano che avanza verso l’osservatore. Antonello da Messina utilizzò uno scorcio prospettico non semplice da realizzare.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

La mano che si protende in avanti e lo sguardo stupito ma serio dimostra che si trova alla presenza dell’angelo che annuncia la sua maternità. Infatti la figura dell’angelo è assente ma si intuisce sia al cospetto della Vergine.

La luce

La luce proviene da sinistra. Arriva, quindi, dalla posizione nella quale si trova l’angelo.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

Antonello da Messina realizzò un ritratto psicologico della Vergine, molto intenso e intimo. Anche la posizione delle mani esprime lo stato d’animo di Maria.

Composizione

La composizione è centrale e piramidale. La struttura triangolare è, infatti, determinata dal manto blu della Madonna. Invece la base è coincidente con il piano d’appoggio.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

Il volto è di un ovale ideale, simbolo della purezza della Vergine. Il modellato è morbido e caratterizzato dal riflesso di luce nell’ombra a destra che rende il volume più tondo e liscio.

Antonello da Messina, Vergine Annunciata, particolare

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • F. Sricchia Santoro. Antonello e l’Europa, Milano, 1986.
  • Gioacchino Barbera, Antonello da Messina, Milano, Editore Electa-Banco Ambrosiano Veneto, 1997, ISBN 88-8016-202-0.
  • Mauro Lucco, Antonello da Messina, l’opera completa, Milano, Editore Silvana, 2006, ISBN 88-366-0633-4
  • Marco Bussagli, Antonello da Messina, 2016, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, EAN:9788809991675
  • Antonello da Messina, 2019, Skira, Arte antica. Cataloghi, ISBN: 885723927
  • Antonello da Messina. Ediz. illustrata, 21 marzo 2019, Collana: Skira Masters, EAN: 9788857239286

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 7 marzo 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Antonello da Messina intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Antonello da Messina

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Antonello da Messina, Vergine annunciata, sul sito dei Beni Culturali della Regionale della Sicilia.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.