Ultime pennellate di Giovanni Fattori

Ultime pennellate di Giovanni Fattori secondo il suo allievo ed erede universale Giovanni Malesci fu l’ultimo dipinto del maestro macchiaiolo.

Giovanni Fattori, Ultime pennellate, 1908, olio su tela, 83×173 cm. Livorno, Museo Civico Giovanni Fattori

Indice

Descrizione di Ultime pennellate di Giovanni Fattori

Un cavallo è fermo sulla spiaggia al centro di un paesaggio inaridito dal sole. A sinistra poi un gazebo di paglia crea una debole ombra sul terreno riarso. A destra invece cresce una piantina mossa dal vento su una duna di sabbia. Oltre la spiaggia si apre quindi la distesa del mare che confina con il cielo leggermente annuvolato. Nel dipinto sono presenti alcune zone non ancora definite come la macchia scura sul terreno a sinistra del cavallo.

Interpretazioni e simbologia di Ultime pennellate di Giovanni Fattori

Giovanni Fattori dipinse prevalentemente paesaggi popolati da animali domestici. In questo caso è presente l’animale più rappresentato, il cavallo. Questo tema rimanda inoltre alla interazione fra l’uomo e l’animale che lo accompagna nelle sue fatiche quotidiane. Nel dipinto l’elemento umano è infine rappresentato dal gazebo dipinto sulla sinistra.

Secondo gli storici il luogo del dipinto è riconoscibile come Antignano, nella zona sud di Livorno che ricorre in altre opere dell’epoca.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Giovanni Malesci alla morte di Fattori fu nominato erede di tutte le sue proprietà. Nello stesso anno vendette una parte delle opere al comune di Livorno tra le quali Campagna romana. Questa, incompiuta, fu invece donata nel 1958 a distanza di 50 anni dal primo acquisto. Il dipinto è ora visibile presso il Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno.

La storia dell’opera Ultime pennellate di Giovanni Fattori

Secondo Giovanni Malesci, allievo ed erede universale di Giovanni Fattori questa è l’ultima opera del maestro. Sul retro del dipinto infatti si legge: “Questo dipinto, non ultimato, è l’ultima opera di Giovanni Fattori. Firenze 1908. L’erede Gio Malesci”. Fattori la dipinse così a 83 anni, alcuni mesi prima della sua morte a Firenze, il 30 agosto 1908.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile Ultime pennellate di Giovanni Fattori

Giovanni Fattori fu l’assoluto protagonista della pittura macchiaiola. Con gli altri suoi colleghi l’artista propose un nuovo linguaggio più realista e immediato rispetto alla pittura accademica di metà Ottocento. L’opera inoltre non mostra segni di preparazione a matita, tranne la linea d’orizzonte, e l’abbozzo è realizzato con larghe e veloci pennellate di colore trasparente.

La tecnica

Il dipinto di Fattori è un olio ad impasto su tela di 83×173 cm.

Il colore e l’illuminazione

Le prime pennellate che abbozzano la composizione sono calde, ocra e brune. Il mare invece è rappresentato da una prima stesura di colore azzurro-grigio. Infine il cielo biancastro è macchiato da pennellate ocra e grigio-freddo.

Lo spazio

Il paesaggio si struttura sul primo piano rappresentato dal suolo e dalle figure del gazebo e del cavallo. Oltre si allarga il mare che confina in alto con il cielo.

La composizione e l’inquadratura

Il dipinto è di forma rettangolare e formato orizzontale. Sebbene non sia terminata l’inquadratura permette di apprezzare la composizione distesa del paesaggio. La struttura compositiva è molto semplice con il cavallo centrale affiancato dal gazebo e dalla piccola duna di sabbia.

Articolo correlato

Spiaggia a Viareggio di Vincenzo Cabianca

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Raffaele Monti, Giovanni Fattori. 1825-1908, Sillabe, Anno edizione: 2002, EAN: 9788883471353
  • Raffaele Monti, Fattori, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 1998; 2008, EAN: 9788809761971
  • Stefano Fugazza, Giovanni Fattori. Il vero tra forma, linguaggio e sentimento, Mauro Pagliai, Editore Collana: I maestri della luce in Toscana Anno edizione: 2008, EAN: 9788856400298
  • Fattori. Catalogo della mostra (Padova, 24 ottobre 2015-28 marzo 2016), (a cura di F. Dini, F. Mazzocca, G. Matteucci), Marsilio, Collana: Cataloghi Anno edizione: 2015, EAN: 9788831722032

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 10 luglio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Giovanni Fattori intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Giovanni Fattori

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Giovanni Fattori, Ultime pennellate, sul sito della Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno.

Chiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure la biografia dell’artista? Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it gli aggiornamenti saranno pubblicati esclusivamente sul sito. Non inviamo materiali tramite e-mail.

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.