Tessera del Psi di Renato Guttuso

Tessera del Psi di Renato Guttuso fu dipinta dall’artista siciliano per proporre una immagine guida agli aderenti del Partito Socialista Italiano.

Renato Guttuso, Tessera del Psi, 1950, tecnica mista su carta, cm. 44×35. Roma, Collezione CGIL Direzione Nazionale

Indice

Descrizione di Tessera del Psi di Renato Guttuso

Un giovane uomo procede velocemente verso sinistra portando una bandiera rossa. Il grande vessillo poi sventola contro il cielo ingrigito dai fumi delle fabbriche. Infatti sullo sfondo si vedono gli edifici di produzione con le ciminiere e i tralicci dell’alta tensione.

Interpretazioni e simbologia di Tessera del Psi di Renato Guttuso

Renato Guttuso fu un attivista già ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Infatti partecipò alla lotta di Resistenza. Nel secondo dopo guerra fu poi impegnato politicamente sul fronte di sinistra. Realizzò così molti dipinti ispirati alle tematiche operaie e alle lotte di rivendicazione.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il bozzetto realizzato da Renato Guttuso per la tessera del Partito Socialista Italiano è conservato presso la Collezione CGIL Direzione Nazionale di Roma.

La storia dell’opera Tessera del Psi di Renato Guttuso

Guttuso preparò questo bozzetto nella seconda metà del Novecento quando era ormai un importante artista affermato.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del dipinto Tessera del Psi di Renato Guttuso

Renato Guttuso negli anni della seconda guerra mondiale si schierò con altri artisti militanti distaccandosi dalle sperimentazioni non figurative delle avanguardie storiche. Questa esperienze infatti erano considerate individualistiche e prive di collegamento col momento grave e drammatico. La figura dell’operaio che procede verso sinistra è definita da pesanti tratti di pennello che creano il suo contorno. Tratti più sottili definiscono il volto di profilo i capelli e le braccia mentre pesanti tratti neri definiscono l’abbigliamento e la bandiera. Infine sottili tratti di penna descrivono il paesaggio, le fabbriche sullo sfondo e il campo di grano in primo piano.

Renato Guttuso fu progonista della nascita del Fronte nuovo delle arti sul finire della Seconda Guerra Mondiale insieme ad altri artisti quali Emilio Vedova e Armando Pizzinato.

La tecnica

Tessera del Partito Socialista è un bozzetto realizzato con tecnica mista su carta di 44 x 35 cm.

Il colore e l’illuminazione

L’immagine è nella maggior parte della superficie composta da acquarellature nere e grigie. Prevale così il colore rosso della bandiera che si ripete intorno alle fabbriche di fondo. In questo caso il colore assume un valore simbolico essendo il colore guida del partito.

Lo spazio

Il giovane che porta il vessillo politico si muove in un paesaggio aperto. In primo piano e ai suoi piedi il suolo è descritto con alte spighe di grano mentre sullo sfondo si scorgono ciminiere e corpi di fabbrica lontani. Lo spazio è quindi organizzato tramite la sovrapposizione di questi due piani.

La composizione e l’inquadratura

L’immagine è di forma rettangolare ed è sviluppata in verticale. L’inquadratura taglia al vivo il personaggio con la bandiera. La linea compositiva più importante è obliqua e sale dal basso a destra coincidendo con la gamba e il corpo del giovane operaio. La bandiera colorata di rosso crea poi una importante massa cromatica che domina tutta la parte superiore dell’immagine.

Articolo correlato

Operai che leggono di Ugo Castellani

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Carlo Levi (presentazione), Renato Guttuso, trent’anni, 1939-1969, TERENZI 1969, ASIN: B00FBJG6KI
  • Werner Haftmann, Guttuso, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2018, EAN: 9788809987913
  • Crispino Valenziano, Guttuso credeva di non credere, Libreria Editrice Vaticana Roma, 2013.
  • Crispino Valenziano, Guttuso Pathos dell’uomo Patemi di Dio, De Luca Editore d’arte- Libreria Editrice Vaticana, Roma, 2016. (testi di Fabio Carapezza Guttuso, Michele Canzoneri, Rino La Delfa, Silvano Maggiani, Cettina Militello, Marida Nicolaci).
  • Flaminio Gualdoni, Guttuso, I Maestri dell’Arte Moderna, editore Skira , Milano, 2017.
  • (RI) Leggere Guttuso. Percezione, realismo, impegno civile, a cura di Marco Carapezza, Palermo University Press, 2018 ( testi di Francesca Bacci, Antonino Bondì, Nancy, Cesare Brandi, Franco Lo Piparo, David Melcher, Jean Luc Nancy, Richard Wollheim).

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 21 maggio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Renato Guttuso intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Renato Guttuso

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Renato Guttuso, Tessera del Psi, sul sito della Collezione CGIL Direzione Nazionale di Roma.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.