Scene della vita di Sant’Antonio Abate (Escenas de la vida de San Antonio Abad) di Juan de la Abadía el Viejo

Scene della vita di Sant’Antonio Abate (Escenas de la vida de San Antonio Abad) di Juan de la Abadía el Viejo è un’opera esposta al Prado di Madrid.

Juan de la Abadía el Viejo, Scene della vita di Sant’Antonio Abate (Escenas de la vida de San Antonio Abad), intorno al 1490, olio su tavola, 190 x 57 cm.  Deposito in un’altra istituzione: Zaragoza, Museo de Zaragoza. Madrid, Museo del Prado

Indice

Descrizione delle Scene della vita di Sant’Antonio Abate (Escenas de la vida de San Antonio Abad) di Juan de la Abadía el Viejo

Nelle tre tavole è rappresentato Sant’Antonio Abate in tre momenti della sua vita. Nella tavola superiore il Santo è sostenuto in aria da quattro angeli disposti simmetricamente ai suoi lati. Nel pannello centrale Sant’Antonio Abate è stante nel paesaggio e legge da un libro aperto sostenuto con la mano sinistra. Il Santo invece solleva la destra mostrando il palmo aperto. Nella tavola inferiore invece il Antonio è inginocchiato accanto ad un altro religioso. I due guardano in alto verso un uccello scuro che vola verso il basso. Sant’Antonio Abate si distingue per il saio scuro e la folta barba grigia. Inoltre il suo capo è circondato da una massiccia aureola dorata in rilievo.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Post pubblicò questa piccola tavola e il suo pendant nel 1941, quando erano di proprietà della Harding Collection di Chicago. Le due opere fanno parte di una pala d’altare dedicata alla vita di Sant’Antonio Abate. Sempre nella stessa Pala era inserito il pannello che proveniente dal Fitzwilliam Museum di Cambridge, nel Regno Unito. L’opera è in deposito presso il Museo de Zaragoza ma è di proprietà del Museo del Prado di Madrid.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile delle Scene della vita di Sant’Antonio Abate (Escenas de la vida de San Antonio Abad) di Juan de la Abadía el Viejo

Juan de la Abadía il vecchio utilizzò uno stile un po’ legnoso come si nota dalle pieghe spigolose dei panneggi. Le figure dei personaggi poi sono isolate nel paesaggio. I volti però mostrano un grande realismo ed espressività e i corpi sono modellati con sufficiente volume. Le forme sono sintetiche e i dettagli del paesaggio sono realizzati con forme circoscritte con uso minimo del chiaroscuro. I colori sono tendenti al grigio e solo nel primo pannello emerge il rosso sulle ali degli angeli e il rosa delle loro vesti. Il paesaggio è costruito alternando i colori caldi del suolo e delle rocce al verde scuro della vegetazione.

Articolo correlato

La Pietà di Enguerrand Quarton

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • AA.VV., La Guida del Prado, Museo Nacional del Prado, 2009, ISBN-10: 848480187XISBN-13: 9788484801870

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 4 gennaio 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Juan de la Abadía el Viejo intitolate:

  • Scene della vita di Sant’Antonio Abate (Escenas de la vida de San Antonio Abad)

Leggi La vita e tutte le opere di Juan de la Abadía el Viejo

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Juan de la Abadía el Viejo, Scene della vita di Sant’Antonio Abate (Escenas de la vida de San Antonio Abad), sul sito del Museo del Prado di Madrid.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera