San Giovanni Battista di Filippino Lippi

San Giovanni Battista di Filippino Lippi è conservato presso la Galleria dell’Accademia a Firenze insieme ad un pannello che raffigura Maria Maddalena.

Filippino Lippi, San Giovanni Battista, 1500, olio su tavola, 133 x 38 cm. Firenze, Gallerie dell’Accademia

Indice

Descrizione del dipinto San Giovanni Battista di Filippino Lippi

San Giovanni Battista è in piedi all’interno di una nicchia semicircolare coperta da una piccola abside spoglia. Il Santo è rivolto a destra e il suo sguardo è puntato verso l’alto. Con entrambe le mani regge sulla sinistra la croce astile mentre compie una leggera torsione verso la destra dell’osservatore. San Giovanni indossa una pelle di cammello coperta da un mantello rosso mentre i suoi piedi sono scalzi. Infine sulla nuca è presente un’aureola trasparente e dorata.

Interpretazioni e simbologia del San Giovanni Battista di Filippino Lippi

Giovanni Battista è il primo cugino di Gesù e figlio di Elisabetta, anziana cugina di Maria. Giovanni inoltre è considerato un profeta da diverse religioni. Una volta cresciuto andò a vivere nel deserto predicando e facendo vita da asceta. Per questo nelle immagini che lo rappresentano indossa quasi sempre solo una pelle di cammello. Inoltre è visibilmente magro e sofferente. Secondo la tradizione cristiano-cattolica il Battista predicò l’avvento del Messia e battezzò Gesù nel fiume Giordano.

I committenti, le collezioni e la storia espositiva

Il pannello con l’immagine di Giovanni Battista fu dipinto da Filippino Lippi intorno al 1500. L’opera di trova ora presso la Galleria dell’Accademia a Firenze.

La storia del dipinto San Giovanni Battista di Filippino Lippi

San Giovanni Battista e Santa Maria Maddalena di Filippino Lippi
San Giovanni Battista e Santa Maria Maddalena di Filippino Lippi

Il dipinto di Filippino Lippi è accompagnato da un altro pannello che raffigura la Maddalena, esposti insieme alla Galleria dell’Accademia. Probabilmente facevano parte di un trittico comprendente una Crocifissione, un tempo esposta a Berlino e distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del San Giovanni Battista di Filippino Lippi

Filippino Lippi fu attivo nella seconda metà del Quattrocento e fu allievo di Sandro Botticelli. Il padre era l’ex frate Filippo Lippi, anche lui pittore. Infatti, il giovane Filippino e Botticelli si conobbero presso la bottega del frate fiorentino.

San Giovanni Battista di Filippino Lippi è un dipinto religioso e devozionale realizzato intorno al 1500 pochi anni prima della sua morte. È un dipinto che esprime un intenso misticismo.

L’artista al tempo aveva circa 43 anni e da tempo era ormai lontano dagli insegnamenti di Sandro Botticelli. Infatti, attinse alle atmosfere della pittura fiamminga e arrivò a comporre opere che descrivono atmosfere fantastiche e inquietanti che preludono al Manierismo.

La tecnica

San Giovanni Battista di Filippino Lippi è un dipinto realizzato ad olio su tavola. La tecnica ad olio, nel corso del Quattrocento, sostituì progressivamente la pittura a tempera. Furono i fiamminghi a sperimentare per primi tale tecnica che si diffuse poi in Italia.

Uno dei primi artisti ad utilizzare l’olio su tela, secondo la tradizione, fu Antonello da Messina. Dipingendo ad olio gli artisti avevano la possibilità di realizzare velature colorate sottili per definire meglio le figure dipinte. Alla base dell’opera di Filippino Lippi vi è una progettazione grafica.

Il colore e l’illuminazione

Il pannello con l’effige del Santo presenta una tonalità generale calda. Infatti sono evidenti due colori principali, il rosso del mantello e l’ocra della nicchia che si ritrova con una leggera variazione sull’incarnato.

Lo spazio

Il Santo è raffigurato all’interno di una piccola nicchia e la profondità è limitata alla sua figura.

La composizione e l’inquadratura

Il pannello è rettangolare e l’inquadratura verticale è molto sviluppata verso l’alto. I bordi della tavola lasciano così poco spazio alla figura del Santo che lambisce i confini dell’immagine.

Articolo correlato

San Giovanni Battista di Gaudenzio Ferrari

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Giulia Cosmo, Filippino Lippi, serie Art dossier, Giunti, Firenze 28809020316001. ISBN
  • Stefano Zuffi, Il Quattrocento, Milano, Electa, 2004, ISBN 8837023154
  • Patrizia Zambrano Jonathan Katz Nelson, Filippino Lippi, Milano, Electa, 2004
  • Mauro Zanchi, Filippino Lippi e l’Umanesimo fiorentino, Firenze, Giunti, 2011, ISBN 978-88-09-76483-5.

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 18 aprile 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Filippino Lippi intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Filippino Lippi

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Filippino Lippi, San Giovanni Battista, sul sito delle Gallerie dell’Accademia di Firenze.