Ritratto di Arturo Tosi di Marino Marini

Il Ritratto di Arturo Tosi di Marino Marini è una interpretazione sintetica e scarna del volto del pittore di Busto Arsizio.

Marino Marini, Ritratto di Arturo Tosi, 1940, fusione in bronzo, 28 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione del Ritratto di Arturo Tosi di Marino Marini

La piccola scultura ritrae il volto di un uomo anziano dai tratti regolari. Il capo è privo di capelli mentre la parte bassa del viso è incorniciata da baffi e da una sottile barba tagliata a pizzetto.

Interpretazioni e simbologia del Ritratto di Arturo Tosi di Marino Marini

Arturo Tosi fu un artista italiano protagonista, negli anni Venti del Novecento, della riconquista della figura, sulle idee di ritorno all’ordine, in seguito alle esperienze delle Avanguardie artistiche. Fece parte quindi del gruppo di artisti che espose alle mostre del progetto Novecento italiano organizzate da Margherita Sarfatti.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’opera si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Milano all’interno nella collezione Vismara. Fu il collezionista Giuseppe Vismara a donare tutte le sue opere tramite legato testamentario nel 1975 al museo. Il ritratto fu commissionato da Vismara.

La storia del Ritratto di Arturo Tosi di Marino Marini

Marino Marini nacque nel 1901 e realizzò quest’opera all’età di 39 anni nel 1940.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Ritratto di Arturo Tosi di Marino Marini

Il Ritratto di Arturo Tosi presenta forme semplici ma descrittive. Marino Marini fu protagonista di una scultura che si ispirava alle esperienze plastiche e scultoree della tradizione pre-rinascimentale italiana. Le sue opere infatti si ispirano soprattutto alle figure di Piero della Francesca.

La tecnica

Il Ritratto di Arturo Tosi è una fusione in bronzo di 28 cm di altezza.

La luce sulla scultura

La superficie dell’opera è opaca e grigia mentre alcune zone sono irregolarmente più chiare. Si formano leggeri chiaroscuri nella descrizione degli occhi del naso e della bocca.

Rapporto con lo spazio

La scultura è un’opera a tutto tondo ed è esposta al di sopra di un sostegno che ne permette la visione in ogni sua parte.

La struttura

Il Ritratto di Arturo Tosi è rappresentato dalla sola testa dell’artista sostenuta in basso da un sottile zoccolo circolare che poggia direttamente sul sostegno. Il viso è racchiuso in un ovale che ne rappresenta sinteticamente le forme.

Articolo correlato

Paesaggio di Arturo Tosi

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Erich SteingräberMarino Marini. Biografia per immagini, Ivrea, Priuli & Verlucca, Editori, 1983.
  • Marco Bazzini e Maria Teresa Tosi (a cura di), Marino Marini. La forma del colore, Pistoia, Maschietto & Musolino, 2001
  • Barbara Cinelli, Marino Marini, in Art e Dossier, n. 347, ottobre 2017
  • Barbara Cinelli, Flavio Fergonzi, Marino Marini. Passioni visive. Confronti con i capolavori della scultura dagli etruschi a Henry Moore. Catalogo della mostra (Pistoia, 16 settembre 2017- 7 gennaio 2018; Venezia, 27 gennaio-1 maggio 2018), Silvana, 2017, EAN: 9788836637737

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 5 settembre 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Marino Marini intitolate:

Consulta la pagina dedicata alla scultura di Marino Marini, Ritratto di Arturo Tosi, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera