Les bretonnes et le pardon de pont Aven di Vincent Van Gogh

Les bretonnes et le pardon de pont Aven di Vincent Van Gogh è una piccola opera che rappresenta un omaggio a Émile Bernard.

Vincent Van Gogh, Les bretonnes et le pardon de pont Aven, 1888, acquerello su carta, 60 x 73.7 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione de Les bretonnes et le pardon de pont Aven di Vincent Van Gogh

Nel dipinto di Vincent Van Gogh si intravedono molte figure umane e alcuni animali. In primo piano in prossimità dell’angolo di destra vi sono infatti i volti di due donne bretoni. Verso il centro in alto compaiono poi altre due donne in figura intera. Altre figure femminili sono distribuite nell’ambiente, sedute a terra. Infine a sinistra sono dipinti cinque bambini mentre a destra compaiono due agnellini.

Interpretazioni e simbologia de Les bretonnes et le pardon de pont Aven di Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh ammirò il dipinto originale di Émile Bernard che ora si trova in collezione privata e prima era di proprietà di Paul Gauguin. L’artista lo aveva portato con se ad Arles quando raggiunse Van Gogh nell’ottobre 1888. Vincent ebbe così modo di osservarlo per circa due mesi durante il periodo di coabitazione dei due artisti.

Le figure umane raffigurate nell’opera indossano il costume della tradizione bretone in occasione della festività religiosa del Perdono. La figura della bambina che indossa abiti normali e di due donne con l’ombrellino, portano una nota di contemporaneità nella scena.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Esami 2020-2021

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

L’opera si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Milano giunta in seguito alla donazione di Nedda Grassi Mieli. Dal 1960 il dipinto di Van Gogh è così parte della collezione Grassi.

La storia dell’opera Les bretonnes et le pardon de pont Aven di Vincent Van Gogh

Van Gogh dipinse questo omaggio a Bernard sul finire del 1888 durante il periodo passato con Paul Gauguin ad Arles. Era nato nel 1853 quindi all’epoca della realizzazione di questo dipinto aveva circa 35 anni.

Vincent Van Gogh si trasferì in Provenza nella primavera del 1888 dove trovò un ambiente ideale che favorì la sua attività creativa. In questo periodo van Gogh dipinse il piccolo acquerello che si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Milano. L’artista Paul Gauguin su richiesta del fratello di Vincent raggiunse l’artista a Arles per portare avanti una collaborazione artistica. Il dipinto di Emile Bernard che Gauguin portò con sé rimase presso la Casa gialla di Arles fino alla partenza dell’artista. Vincent ebbe così modo di osservare il dipinto e di realizzarne una copia ad acquerello.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile de Les bretonnes et le pardon de pont Aven di Vincent Van Gogh

Le figure delle giovani donne bretoni in costume tradizionale sono descritte con una pesante linea di contorno. Gli abiti e i corpi sono poi colorati con campiture quasi uniformi che descrivono le figure per contrasto di colore. Non sono presenti importanti chiaroscuri quindi i corpi si evidenziano attraverso i contorni che descrivono le forme sovrapposte. Tutte le figure sembrano galleggiare in uno spazio bidimensionale e indefinito.

Van Gogh reinterpretò il dipinto di Bernard anche per via della diversa tecnica utilizzata. Infatti l’originale è ad olio mentre la copia è dipinta con colori ad acquerello. I colori e la modellazione delle figure sono quindi diversi. L’utilizzo della prospettiva di grandezza delle figure per rendere la profondità è invece presente nei due dipinti. Van Gogh riprese anche la linea di contorno marcata, tipica del cloisonnisme che ispirava la tecnica di Émile Bernard. Come nelle vetrate infatti le figure sono rafforzate nettamente da uno spesso contorno nero.

La tecnica

L’opera di Van Gogh è acquerello su carta di 60 centimetri di altezza e 73,7 cm di larghezza.

Il colore e l’illuminazione

Il dipinto è realizzato con colori caldi e lo sfondo giallo chiaro copre tutta la superficie. Prevalgono poi i bruni degli abiti delle donne bretoni e i bianchi dei loro copricapi e delle mantelline. Qua e là spiccano colori più saturi come l’arancione, il blu e il rosso.

Lo spazio

Lo spazio non è definito in modo geometrico e da elementi ambientali. Invece, la disposizione e la grandezza delle figure femminili descrivono la profondità della scena.

La composizione e l’inquadratura

L’immagine è di forma rettangolare ma vicina alla proporzione quadrata. L’inquadratura ricorda un taglio fotografico e incornicia una scena che sembra colta casualmente nel contesto ambientale.

Le figure si dispongono obliquamente a partire dall’angolo in basso a destra. Infatti è qui che compaiono i grandi visi delle due giovani bretoni. La linea compositiva si sviluppa poi verso l’angolo di sinistra passando attraverso le figure delle donne sedute e in piedi. Termina, infine con i corpi dei bambini e delle donne sedute con l’ombrellino.

Articolo correlato

La visione dopo il sermone di Paul Gauguin

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Ronald de Leeuw, Van Gogh, in Art dossier, nº 22, Giunti, 1998, ISBN 88-09-76052-2.
  • Enrica Crispino, Van Gogh, Giunti, 2010, ISBN 978-88-09-05063-1
  • Giordano Bruno Guerri, Follia? Vita di Vincent van Gogh, 23 marzo 2011, Bompiani, Collana: I grandi tascabili, EAN: 9788845266928
  • Vincent Van Gogh, Lettere a Theo, Traduttore: M. Donvito B. Casavecchia, Curatore: M. Cescon, 25 agosto 2016, VII edizione, Guanda, Collana: Tascabili Guanda. Narrativa, EAN: 9788823516908
  • I miei quadri raccontati da me di Vincent Van Gogh, a cura di Piergiorgio Dragone, 20 settembre 2017, Donzelli, Collana: Mele, EAN: 9788868436728
  • Rainer Metzger, Ingo F. Walther, Van Gogh. Tutti i dipinti, 5 luglio 2018, Taschen, Collana: Bibliotheca Universalis, EAN: 9783836559591

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 22 febbraio 2021.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Vincent Van Gogh intitolate:

Leggi La vita e tutte le opere di Vincent Van Gogh

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Vincent Van Gogh, Les bretonnes et le pardon de pont Aven, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera