Koùros di Capo Sunio

Il Koùros di Capo Sunio rappresenta un esempio della tradizionale figura umana maschile realizzata nel periodo della Grecia arcaica.

Koùros di Capo Sunio, 600 a.C., marmo di Naxos, 305 cm altezza, 98 x 80 x 28 cm (base). Atene, Museo Archeologico Nazionale

Indice

Descrizione del Koùros di Capo Sunio

La scultura rappresenta un giovane nudo. Il Koùros è rappresentato privo di abiti e in posizione stante. Le braccia sono allineate in basso, lungo il corpo e le gambe ravvicinate. Le mani sono serrate a pugno e aderenti alle cosce. Il viso è frontale, arrotondato e largo e lo sguardo fisso di fronte a sé. I capelli sono riuniti in ciocche  intrecciate raccolte intorno alla fronte da un nastro legato con un nodo piano. Le spalle sono larghe e la vita stretta come i fianchi.

Interpretazioni e simbologia del Koùros di Capo Sunio

Si tratta di una delle più imponenti espressioni dei kouroi arcaici. Inoltre rappresenta uno stereotipo della tradizione. I capelli sono raccolti da un’acconciatura a forma di conchiglia sulla fronte e scendono con le trecce lunga la schiena. Sono legati con un doppio nastro detto nodo di Eracle. L’anatomia così stilizzata assume un valore quasi decorativo. Il corpo del Koùros a rispetto alla sua posizione assume, un aspetto quindi ieratico e rigido.

L’analisi dell’opera continua dopo questo avviso!

Scuola 2021-2022

Storia dell’arte. A breve troverai approfondimenti sulle principali epoche della Storia dell’Arte

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

I Committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione del Koùros di Capo Sunio

La statua si trova al Museo Archeologico Nazionale di Atene.

La storia dell’opera Koùros di Capo Sunio

Il Koùros del Sunio o Koùros di Capo Sunio è una scultura che appartiene all’epoca arcaica della storia Grecia. La scultura proviene dall’isola di Nasso e risale a circa il 600 avanti Cristo. Gli archeologi trovarono questo Koùros, insieme alla sua base e al piedistallo, sepolto in una fossa che conteneva altre statue. Le statue erano dedicate a Poseidone e probabilmente erano posizionate di fronte al tempio distrutto dai persiani. Furono probabilmente sepolte dai soldati insieme ad altri ex-voto conservati nel tempio.

Il Koùros del Sunio era sepolto nei pressi del tempio di Poseidone a Capo Sunio. Gli archeologi lo ritrovarono nel 1906. Gli storici inoltre ipotizzano che i persiani lo seppellirono nel 480 avanti Cristo quando invasero i territori greci distruggendo il tempio durante la Seconda Guerra Persiana.

Il restauro

La statua è stata restaurata e la superficie consolidata. I restauratori inoltre hanno individuato sulla superficie della statua zone rimanenti di colore rosso nelle ciocche dei capelli intrecciati

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile del Koùros di Capo Sunio

Come indica il titolo, la statua rappresenta il modello di un giovane nudo detto Koùros, tipico della scultura greca arcaica. Questa scultura come altri Kouroi presenta caratteristiche simili alle antiche sculture dell’arte egizia.

L’anatomia del giovane è appena accennata da leggeri rilievi e segni. Nel torace si individuano i due pettorali in alto e le otto suddivisioni della parte addominale. Gli occhi hanno la particolare forma a mandorla.

Il sorriso arcaico

La bocca del Koùros è atteggiata in un tradizionale sorriso arcaico, una caratteristica tipica della scultura greca di epoca arcaica. In seguito al sollevamento degli angoli della bocca l’espressione del volto del Koùros sembra sorridere. Nonostante questa apparente espressione l’intenzione dello scultore non era però quella di rappresentare uno stato d’animo. Questa tendenza si manifesterà infatti solamente nel periodo classico.

Il sorriso arcaico si manifestò già in alcune sculture dell’epoca tarda della civiltà egizia. Anche in questo caso lo scultore aderì alla tradizione scolpendo le labbra in tale posizione apparentemente sollevata.

In antichità la scultura era ancora concepita su tre piani separati. Questi sono quello frontale quello laterale destro e quello laterale sinistro. Con l’evoluzione della tecnica scultorea gli autori concepirono la rappresentazione della tridimensionalità sul piano frontale. La bocca venne quindi incurvata verso l’alto.

Con lo stile Severo, databile tra il 480 e il 450 avanti Cristo, lo stile arcaico maturo trapassò nel pieno classicismo. Scomparve così il sorriso arcaico. Gli scultori di questo periodo iniziarono a rappresentare lo spazio tridimensionale mediante un continuo trapasso di piani rappresentando la bocca in profondità.

La tecnica

Il Koùros del Sunio è in marmo e presenta dimensioni maggiori rispetto a una figura umana reale.

La luce sulla scultura

La luce crea un chiaroscuro appena accennato prodotto dai rilievi dei pettorali della cavo inguinale e delle ginocchia.

Rapporto con lo spazio

La posizione del Koùros è statica e frontale. La figura del giovane assume un aspetto atemporale e privo di apertura con lo spazio circostante.

La struttura

La struttura compositiva è caratterizzata da una rigida simmetria. Il piede sinistro però è leggermente avanzato rispetto a quello destro e crea un leggero movimento del soggetto rappresentato. La statua poggia il suo peso su entrambe le piante dei piedi.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Ranuccio Bianchi Bandinelli ed Enrico Paribeni, L’arte dell’antichità classica. Grecia, Torino, UTET Libreria, 1986, ISBN 88-7750-183-9
  • Antonietta Viacava. L’atleta di Fano, Roma, Edizioni L’Erma di Bretschneider, 1994. ISBN 88-7062-868-X.
  • George M. A. Hanfmann, Dizionario delle antichità classiche, Cinisello Balsamo, Paoline, 1995, p. 849
  • Paolo Moreno (a cura di), Lisippo : l’arte e la fortuna, Catalogo della mostra tenuta a Roma, Milano, Fabbri, 1995, ISBN 88-450-5738-0.
  • Giuliano A., Storia dell’arte greca, Carocci, Roma, 1998. ISBN 88-430-1096-4
  • Photini N. Zaphiropoulou, Capolavori della scultura greca antica, Ist. Poligrafico dello Stato Collana: Archeologia, 2007, EAN: 9788824011358
  • Giorgio Bejor, Marina Castoldi, Claudia Lambrugo, Arte greca, Mondadori Università; Nuova Edizione edizione (1 ottobre 2013), ISBN-10: 8861842968 ISBN-13: 978-8861842960
  • Luigi Rocchetti, Le gioie sepolte. Scultura greca del periodo arcaico, Arbor Sapientiae, 01/01/2018, EAN:9788894820850

I bronzi di Riace

  • Sergio Rinaldi Tufi, I Bronzi di Riace, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2014, EAN: 9788809995352
  • Giuseppe Braghò, I Bronzi di Riace nei documenti ufficiali del ritrovamento, Meligrana Giuseppe Editore, Collana: Fuori collana, 2017, Brossura EAN: 9788868152703

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 14 dicembre 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di scultura greca intitolate:

Consulta altre opere di scultura greca

Consulta la pagina dedicata alla scultura di Koùros di Capo Sunio, sul sito del Ministero della cultura e dello sport della Grecia.

Richiedi di completare la scheda o di aggiungere un approfondimento

ADP plus

Ti serve l’analisi completa dell’opera? Oppure chiedi di completare la biografia dell’artista. Invia una e-mail con il titolo dell’opera o il nome dell’artista a: redazione@analisidellopera.it

È gratuito e troverai l’aggiornamento sulla scheda pubblicata.