Ragazza con scodella di Felice Casorati

In Ragazza con scodella di Felice Casorati l’atmosfera è sospesa e inquietante. Le figure assumono infatti una presenza scultorea e lo spazio sembra proseguire all’infinito oltre le stanze chiuse.

Felice Casorati, Ragazza con scodella (Interno) (Mattino), 1919-1920, tempera su tela, cm 114 X 145. Torino, Galleria d’Arte Moderna

Descrizione. Una ragazza isolata in dialogo con gli oggetti della stanza

La scena descritta in Ragazza con scodella di Felice Casorati sembra essere priva di rumori ed estremamente silenziosa. La giovane infatti è seduta sola su di un piccolo cubo posto in primo piano. Ha un aspetto magro, la pelle livida e gli occhi chiusi. Indossa un semplice abito che lascia scoperte le spalle e tiene in mano una ciotola smaltata. Di fronte a lei sono posati a terra una grande cassa vuota, un secchio smaltato e un’altro cubo. Dietro, a destra si intravedono altre casse impilate. Il pavimento di cotto traversa in profondità altre stanze e sembra non avere fine.

Interpretazioni e simbologia

Il dipinto Ragazza con scodella sembra rappresentare un disagio esistenziale e la solitudine della ragazza. Anche la desolazione dello spazio vuoto contribuisce a dare questa impressione. La protagonista poi tiene tra le mani una scodella vuota che indica forse privazione di cibo. Si tratta comunque della rappresentazione di una assenza. Mancano infatti altre figure animate o oggetti naturali. La posizione chiusa e gli occhi serrati infine sono un altro segno di malessere.

I Committenti e la storia espositiva

Ragazza con scodella fu esposta alla galleria Geri Boralevi di Venezia in occasione della mostra degli Artisti dissidenti di ca’ Pesaro nel 1920. L’opera si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Torino grazie all’acquisto del ragionier Benedetto Fiore nel 1959.

La storia dell’opera

Gli storici fanno notare l’intensità e il valore dell’opera. Ragazza con scodella fu dipinto all’inizio del trasferimento a Torino di Casorati in seguito alla sua adesione secessionista.

Consulta anche l’opera di Felice Casorati intitolata: La donna e l’armatura

Lo stile del dipinto Ragazza con scodella di Felice Casorati

Gli oggetti e le forme sono costruiti con contorni chiusi e ben delimitati segnati da linee di contorno spesse e nere. Anche la prospettiva con la quale sono costruiti gli oggetti e le casse contribuisce a renderli solidi e scultori.

Il colore e l’illuminazione

La luce è irreale e disegna ombre inquietanti sul pavimento di cotto. L’illuminazione proviene da sinistra e proietta lunghe ombre scure. I colori sono caldi. Emergono l’arancio intenso del cotto e il giallo delle casse e dell’abito. I contrasti mettono in evidenza le figure chiare contro il pavimento più scuro. Nel complesso tutti i toni sono caldi e non vi sono contrasti tra complementari. La composizione cromatica è armonizzata sui toni del giallo e arancio.

Approfondisci con le altre opere di Arturo Martini intitolate: Il Bevitore e Annunciazione.

Lo spazio

Lo spazio è determinato da poche figure dalla presenza molto forte. La donna si trova seduta in primo piano rivolta a sinistra con il volto di tre quarti. È inserita in una fuga prospettica molto spinta. Infatti il pavimento è coperto da una piastrellatura regolare che si sviluppa attraverso la fuga delle stanze. Le linee di congiunzione tra le piastrelle di cotto creano così una griglia prospettica che sembra prolungarsi all’infinito.

La Composizione e l’inquadratura

In Ragazza con scodella la figura femminile è inquadrata all’interno una grande e spoglia composizione. Il punto di vista è molto elevato e lo spettatore sembra osservare la scena dall’alto. La stessa inquadratura si ritrova in altri dipinti di Casorati come L’uomo delle botti.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Felice Casorati, Ragazza con scodella, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Torino.