Contadina bretone di Gino Rossi

Contadina bretone di Gino Rossi fu dipinta dall’artista nel 1908 e rivela la sua vicinanza alla pittura del francese Paul Gauguin.

Gino Rossi, Contadina bretone, 1908, olio su tela, 35 x 27.5 cm. Milano, Galleria d’Arte Moderna

Indice

Descrizione di Contadina bretone di Gino Rossi

Nel dipinto è raffigurata una contadina seduta di profilo. La donna indossa abiti tradizionali e poggia il braccio destro su un tavolino coperto da una tovaglia viola. Di fronte a lei infine è posata una ciotola vuota.

Interpretazioni e simbologia di Contadina bretone di Gino Rossi

La donna raffigurata è abbigliata con abiti tradizionali della campania bretone. Già Paul Gauguin ritrasse i contadini bretoni per ricordare le loro tradizioni e i loro usi. Celebri sono anche i dipinti di Vincent Van Gogh che ritrasse invece i contadini olandesi.

Suggerimenti e link utili per implementare una corretta didattica online o didattica a distanza, nel periodo di emergenza virus. Consulta la pagina: Didattica online.

Inoltre nuovi materiali per aiutarti nel lavoro: La descrizione del ritratto, La descrizione del paesaggio

Comincia a pensare all’esame. Consulta la pagina: Tesi, tesine o mappe concettuali.

I committenti, le collezioni, la storia espositiva e la collocazione

Il dipinto di Gino Rossi si trova alla Galleria d’Arte Moderna di Milano grazie alla donazione di Giuseppe Vismara dal 1955.

La storia dell’opera Contadina bretone di Gino Rossi

Gino Rossi dipinse la sua opera nel 1908 all’età di 24 anni. L’artista infatti era nato a Venezia il 6 giugno 1884.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: La scheda per l’analisi dell’opera d’arte.

Lo stile di Contadina bretone di Gino Rossi

La superficie è coperta da una strato di colore ad olio e le forme sono costruite con campiture di colore privo di chiaroscuro. La figura della contadina emerge quindi dal fondo grazie alla forma delle campiture e ai valori tonali che mettono in contrasto le diverse parti.

La tecnica

Il dipinto è una tela di 35 x 27,5 cm dipinta con impasto di colore ad olio.

Il colore e l’illuminazione

Contadina bretone di Gino Rossi presenta colori molto caldi accesi. In particolare è evidente il contrasto di complementarietà tra il blu viola del primo piano e l’arancio rosso del fondo e dell’abito. Alla quasi totalità della superficie coperta di ocra rossa si contrappone infine una fascia di blu verde rappresentata dall’abito della contadina e dei tessuti di fondo che si distribuisce obliquamente dal basso a destra.

Lo spazio

Lo spazio tridimensionale è appena accennato dalla fuga prospettica di sinistra. Per il resto le figure della donna e degli arredi si stagliano contro lo sfondo bidimensionale.

La composizione e l’inquadratura

L’immagine è di forma rettangolare e sviluppata in altezza. L’inquadratura taglia quasi al vivo in altezza la figura della contadina che è dipinta con maggiore spazio di fondo di fronte a lei nella parte destra.

Articolo correlato

Paesaggio in Bretagna di Paul Gauguin

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Testo in preparazione

La scheda è completa. Periodicamente troverai ulteriori approfondimenti, a presto!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 4 settembre 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Gino Rossi intitolate:

  • Testo in preparazione

Leggi La vita e tutte le opere di Gino Rossi

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Gino Rossi, Contadina bretone, sul sito della Galleria d’Arte Moderna di Milano.

ADP plus

Visto dal vero. Hai visto dal vero l’opera analizzata? Suggerimenti? Commenta sul gruppo Facebook:

ADO+ Segnala un’opera