Annunciazione di Raffaello

Questa Annunciazione di Raffaello è la prima tavola a sinistra all’interno della predella della Pala degli Oddi e si trova presso la Pinacoteca Vaticana.

Raffaello Sanzio, Annunciazione Pala Oddi, 1502-1503, olio su tavola, 27×150 cm. Città del Vaticano, Pinacoteca Vaticana

Descrizione dell’Annunciazione Pala Oddi di Raffaello

Maria siede a destra del dipinto e tiene con una mano un libretto aperto e poggiato sulle gambe. Intanto appare a sinistra l’Arcangelo Gabriele che saluta la Vergine e porta nella mano sinistra un giglio bianco. La Vergine indossa un abito rosso coperto da un mantello blu che ricade dalla spalla destra e arriva fino a terra. Gabriele invece è vestito con un ampio e vaporoso abito leggero agitato dal movimento dell’Arcangelo. L’Annunciazione è ambientata all’interno di un ampio spazio colonnato al fondo del quale si apre un paesaggio con colline e un corso d’acqua. Si intravede infatti un ponte a schiena d’asino a due campate. Inoltre sopra le colline si notano alcune architetture turrite. Infine al centro dell’arco di sinistra compare il busto di Dio Padre che benedice la Vergine e in basso la colomba che vola in direzione di Maria.

L’Annunciazione di Raffaello della Pala Oddi si trova alla Pinacoteca Vaticana a Città del Vaticano.

Analisi dell’Annunciazione di Raffaello

Raffaello nacque ad Urbino del 1483 ed è considerato uno dei più grandi artisti rinascimentali e di tutti i tempi. Alla sua morte prese il via una scuola che portò avanti il suo stile caratterizzato da una grande ricerca formale. Infatti l’artista fu promotore di una pittura ricercata e di grande equilibrio compositivo. Nei suoi dipinti i personaggi rivelano la ricerca del bello ideale e nelle scene d’insieme il conseguimento dell’armonia tra uomo e natura. La pittura di Raffaello influenzò già nella sua epoca il tardo Rinascimento e fu considerata un modello dai maestri delle accademie fino alla metà dell’800.

Raffaello dipinse l’opera utilizzando velature di colore ad olio su una tavoletta di legno di 27×150 cm di dimensione.

L’Annunciazione di Raffaello presenta colori caldi che descrivono l’atmosfera dell’ambiente interno. Invece il paesaggio di fondo che si intravede oltre il colonnato è risolto con toni tendenti al grigio e freddi. Emerge infatti il colore rosso della tunica dell’Arcangelo Gabriele e della veste di Maria. Molto intenso è anche il colore ocra-arancio della decorazione pavimentale. Il colonnato invece crea due ali scure ai lati della scena.

Lo spazio interno è descritto con un rigoroso uso della prospettiva geometrica. La tavoletta dipinta da Raffaello è di forma rettangolare con sviluppo orizzontale. La composizione centrale è determinata dalla prospettica frontale dell’ambiente e dalla posizione speculare dei personaggi rispetto alla verticale centrale.

Annunciazione di Leonardo da Vinci

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975
  • Sylvia Ferino Pagden, M. Antonietta Zancan, Raffaello. Catalogo completo, Firenze 1989.
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Mario Dal Bello, Raffaello. Le madonne, Libreria Editrice Vaticana, 2012, EAN: 9788820987237
  • Antonio Forcellino, Raffaello. Una vita felice, 2 luglio 2009, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842087472
  • Eugenio Gazzola, La Madonna Sistina di Raffaello. Storia e destino di un quadro, Quodlibet 2013
  • Claudio Strinati, Raffaello, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2016, EAN: 9788809994218
  • Claudio Strinati, Raffaello. Ediz. a colori, 2016, Scripta Maneant, EAN: 9788895847498

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 10 febbraio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Raffaello intitolate:

Le Madonne di Raffaello

La Pala Colonna 1503 – 1505

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Raffaello Sanzio, Annunciazione Pala Oddi, sul sito della Pinacoteca Vaticana di Città del Vaticano.