Arte e sociale nell’Italia degli anni del secondo dopoguerra

Arte e sociale nell’Italia degli anni del secondo dopoguerra propone una serie di opere di artisti italiani impegnati nel sostenere le lotte sindacali dei lavoratori.

Pagina aggiornata il: 17 maggio 2020. Torna a visitarci tra qualche giorno e troverai nuovi contenuti.

Arte e sociale. Primo maggio di Armando Pizzinato

Primo maggio di Armando Pizzinato
Primo maggio di Armando Pizzinato

Armando Pizzinato, Primo maggio, 1948, olio su compensato, 79.7 x 115.6 cm. New York, The Museum of Modern Art (MoMa). Il Primo Maggio è una data che celebra i lavoratori di tutto il mondo. La sua importanza è riconosciuta anche dallo Stato Italiano che infatti ha trasformato il Primo Maggio in una festività nazionale. Inoltre occorre considerare che la Repubblica Italiana è fondata sul lavoro come dichiara il primo articolo della Costituzione. Armando Pizzinato dipinse opere di grande impegno sociale e decise quindi di dedicare un dipinto a questa celebrazione.

Arte e sociale. Lo spaccapietre di Armando Pizzinato

Spaccapietre di Armando Pizzinato
Spaccapietre di Armando Pizzinato

Armando Pizzinato, Spaccapietre, data?, olio su tavola, cm. 189×76, misure?. Roma, Collezione CGIL Direzione Generale. Nel secondo dopoguerra per molti anni il lavoro fu ancora praticato come decenni prima. Infatti le innovazioni tecnologiche comparvero con la ripresa sociale ed economica. Inoltre non in tutte le realtà locali del Paese era possibile sostenere il lavoro degli operai con macchinari avanzati. In questo dipinto Armando Pizzinato raffigura uno spaccapietre. Si tratta probabilmente di un lavoratore di base dell’edilizia. Infatti in seguito alle distruzioni causate dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale fu attivata una grande opera di ricostruzione. Gran parte del lavoro fu così compiuto dal duro impegno dei lavoratori.

Arte e sociale. Operai che leggono

Operai che leggono di Ugo Castellani
Operai che leggono di Ugo Castellani

Ugo Castellani, Operai che leggono, 1953, olio su masonite, cm.65×85. Roma, Collezione CGIL Direzione Nazionale. Nel secondo dopoguerra in Italia le organizzazioni sindacali si impegnarono molto nel promuovere la cultura tra gli operai. Anche alcuni imprenditori illuminati organizzarono corsi e attività formative per i propri lavoratori. Tra i molti esempi virtuosi occorre ricordare Adriano Olivetti che ad Ivrea pubblicò dal 1946 al 1960 anche una rivista di critica d’arte per gli operai della grande impresa dal titolo Comunità.

Tessera del PSI di Renato Guttuso

Tessera del Psi di Renato Guttuso
Tessera del Psi di Renato Guttuso

Renato Guttuso, Tessera del Psi, 1950, tecnica mista su carta, cm. 44×35. Roma, Collezione CGIL Direzione Nazionale. Guttuso fu un attivista molto impegnato per i diritti dei lavoratori. Infatti la sua militanza sociale iniziò già durante la Seconda Guerra Mondiale quando partecipò alla lotta di Resistenza contro l’occupazione nazista in Italia. Anche la sua sperimentazione artistica seguì poi questa sua propensione al sociale. Fu così tra i fondatori del Fronte Nuovo delle Arti negli anni successivi al grande conflitto. Guttuso guidò inoltre il gruppo romano e si fece portavoce di un’arte figurativa di propaganda.

Consulta il sito della Collezione CGIL Direzione Generale di Roma.

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci