Madonna della seggiola di Raffaello

La Madonna della seggiola di Raffaello interpreta la maternità della Vergine in chiave intima e domestica suscitando una intensa reazione emotiva nel fedele.

Raffaello, Madonna della seggiola, 1514, olio su tavola, diametro cm 71. Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina

Descrizione de la Madonna della seggiola di Raffaello

Questo dipinto di Raffaello è diventato molto famoso. La composizione circolare e le posture della Madonna e di Gesù Bambino sono i principali elementi del suo successo. Inoltre l’interpretazione della maternità risulta più vicina alla dimensione familiare del devoto. Maria è seduta su di una seggiola in un ambiente domestico e tiene in braccio Gesù che ricorda un bambino del popolo. Inoltre la Vergine osserva direttamente il fedele con uno sguardo molto intenso. L’impostazione dell’opera pur molto strutturata è meno classica e misurata di altre come la Madonna del Belvedere.

L’opera di Raffaello si trova a Palazzo Pitti presso la Galleria Palatina a Firenze. La Madonna della Seggiola era di proprietà della famiglia de’ Medici già dalla prima metà del Cinquecento. Il dipinto fu forse commissionato da papa Leone X e inviato alla sua famiglia a Firenze.

La Madonna della seggiola di Raffaello risale al 1514 e fu dipinta dall’artista all’eta di 31 anni.

Analisi de la Madonna della seggiola di Raffaello

Raffaello fu l’artista più celebrato dall’arte accademica fino alla metà dell’800. Infatti fu considerato il perfetto cortigiano, elegante, misurato colto e raffinato. La sua arte inoltre rispecchia la sua personalità. I suoi dipinti sono caratterizzati da un perfetto equilibrio compositivo e da una grande ricerca formale. Raffaello nacque nel 1483 a Urbino e si formò in gioventù presso la bottega del padre Giovanni Santi. In seguito collaborò con il Perugino e fu a Siena accanto al Pinturicchio. Fu aperto a molte esperienze e assimilò le lezioni di Leonardo, Michelangelo e altri artisti di Firenze dei quali acquisì anche gli schemi compositivi.

La Madonna della seggiola è un dipinto tondo realizzato ad olio su tavola dal diametro di 71 cm.

L’opera era destinata probabilmente alla devozione privata del Papa viste le dimensioni ridotte del dipinto. Inoltre la Vergine è seduta sulla “sedia camerale” ad uso e privilegio del pontefice.

Nel dipinto prevalgono toni caldi tra i quali spiccano alcune parti di colore freddo. Il colore rosso della manica di Maria e quello arancione dell’indumento di Gesù si incontrano proprio al centro della composizione. Gli stessi colori poi si ritrovano nella decorazione dello scialle della Vergine e sulla bracciolo della seggiola.

Madonna degli alberetti di Giovanni Bellini

© ADO – analisidellopera.it – Tutti i diritti riservati. Approfondisci

Bibliografia

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975
  • Sylvia Ferino Pagden, M. Antonietta Zancan, Raffaello. Catalogo completo, Firenze 1989.
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Mario Dal Bello, Raffaello. Le madonne, Libreria Editrice Vaticana, 2012, EAN: 9788820987237
  • Antonio Forcellino, Raffaello. Una vita felice, 2 luglio 2009, Laterza, Collana: Economica Laterza, EAN: 9788842087472
  • Eugenio Gazzola, La Madonna Sistina di Raffaello. Storia e destino di un quadro, Quodlibet 2013
  • Claudio Strinati, Raffaello, Giunti Editore, Collana: Dossier d’art, 2016, EAN: 9788809994218
  • Claudio Strinati, Raffaello. Ediz. a colori, 2016, Scripta Maneant, EAN: 9788895847498

La scheda è quasi completa. Ancora qualche giorno di pazienza, grazie per la tua visita!

La data dell’ultimo aggiornamento della scheda è: 22 gennaio 2020.

Approfondisci la lettura consultando le schede delle altre opere di Raffaello intitolate:

La Pala Colonna 1503 – 1505

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Raffaello, Madonna della seggiola, sul sito del Palazzo Pitti, Galleria Palatina di Firenze.