Abbazia di Westminster con la processione dell’Ordine del Bagno

L’Abbazia di Westminster con la processione dell’Ordine del Bagno fu dipinta da Canaletto durante il suo soggiorno a Londra.

Canaletto, L’Abbazia di Westminster con la processione dell’Ordine del Bagno, 1749, olio su tela, cm 101,6 x 101,6. Londra, Abbazia di Westminster

Descrizione

L’edificio dell’Abbazia di Westminster domina su tutto il dipinto. Infatti, sono ben evidenti le architetture gotiche che la contraddistinguono. Le due torri campanarie simmetriche sono visibili ai lati della facciata. L’ingresso principale è decorato da un portale strombato a sesto acuto. In alto, si apre, inoltre, una polifora ogivale chiusa da una grande vetrata. Sulle torri si aprono, poi, tre file di finestre.

La processione dell’Ordine del Bagno si muove a partire dal portale dell’Abbazia. Quindi, traversa il sagrato chiuso da una cancellata in ferro. Si inoltra, poi, tra i palazzi, a sinistra. I membri dell’ordine indossano mantelli bianchi e rossi. I sacerdoti, invece, sono vestiti di bianco. In primo piano e ai bordi del corteo vi sono uomini e donne in abiti eleganti del Settecento. Inoltre, soldati armati scortano la processione. Gli spettatori sono distribuiti all’interno e all’esterno del sagrato dell’abbazia di Westminster. Infine, la bandiera inglese sventola sulla torre a destra. Fanno da cornice alla scena le facciate degli edifici di sinistra. Alcune persone si affacciano dalle finestre e dal tetto per osservare la processione. Anche sulle mura perimetrali merlate, a destra, il popolo partecipa osservando la scena. Infine, nel cielo terso compare qualche nube bianca.

Interpretazioni e simbologia

Nel dipinto che raffigura l’evento londinese, Canaletto rappresentò la processione di un antico ordine di cavalieri detto “del Bagno”. Il nome si riferiva al loro rituale di purificazione che prevedeva l’immersione in acqua Santa.

La storia dell’opera

Canaletto fu un pittore vedutista. Nel Settecento, in Europa, le vedute delle principali capitali si diffusero rapidamente. L’artista divenne, così, famoso per le sue vedute di Venezia. Per far fronte alle richieste internazionali si trasferì poi a Londra. Rimase qualche anno nella capitale inglese dove realizzò il dipinto intitolato L’Abbazia di Westminster con la processione dell’Ordine del Bagno.

Consulta anche l’articolo intitolato: I libri utili alla lettura dell’opera d’arte.

Consulta anche l’articolo intitolato: Con scienza e religione la natura perde la sua innocenza.

La tecnica del dipinto Abbazia di Westminster con la processione dell’Ordine del Bagno

A Londra l’artista applicò la tecnica utilizzata per dipingere le vedute di Venezia. Al fine di creare una rappresentazione maggiormente realistica, Canaletto utilizzò la camera ottica. Si trattava di una scatola in legno alla quale era applicato sul fronte un sistema di lenti dalle quali entrava la luce. Al suo interno, poi, un sistema di specchi, proiettava l’immagine capovolta sul retro della tela o di un foglio. Canaletto, dopo aver tratteggiato in modo veloce le linee principali della veduta, terminava il dipinto in studio.

Consulta la pagina dedicata al dipinto di Canaletto, L’Abbazia di Westminster con la processione dell’Ordine del Bagno, sul sito dell’Abbazia di Westminster di Londra.